Tiffany Haddish si sta riconnettendo con le radici ebraiche di suo padre

Tiffany Haddish genopretter forbindelsen til sin fars jødiske rødder

La violenza in Israele, Gaza, Palestina e Cisgiordania ha fatto notizia da quando i terroristi di Hamas hanno invaso il 7 ottobre 2023. Molte persone sui social media sono divise su con chi schierarsi, sapendo benissimo che migliaia di innocenti le persone muoiono ogni giorno a causa della rabbia di persone in posizioni di potere. Mentre gli spettatori discernevano come sostenere il popolo palestinese senza essere antisemiti, la comica Tiffany Haddish ha ritenuto che fosse un momento importante per esplorare le sue radici.

Il 20 febbraio 2024, ha fatto un viaggio in Israele per riconnettersi più profondamente con la sua eredità ebraica, volendo anche vedere la violenza “con i propri occhi”. Il suo video live su Instagram durante il viaggio verso Tel Aviv ha suscitato la reazione negativa degli attivisti anti-israeliani. Tuttavia, è importante ricordare che Tiffany ha il diritto di connettersi con la sua eredità ebraica in un momento in cui l’antisemitismo è più diffuso che mai. Ma chi sono i genitori di Tiffany e quanto è ebrea?

Tiffany Haddish alla festa del Fanatics Super Bowl del 2024 il 10 febbraio 2024Fonte: Getty Images

Tiffany Haddish non è stata completamente cresciuta dai suoi genitori.

Come molti di noi ormai sanno, Tiffany non ha avuto un’infanzia facile. Nato e cresciuto a South Central Los Angeles, in California, il padre di Tiffany, Tsihaye Reda Haddish, se n’è andato quando lei aveva solo 3 anni. È arrivato negli Stati Uniti come rifugiato ed è stato deportato, secondo Il Poste di Gerusalemme. Successivamente, la madre di Tiffany, Leola, si risposò e diede alla luce due fratellastri e due sorellastre di Tiffany.

Ma nel 1988, Leola ebbe un incidente stradale che avrebbe cambiato per sempre la sua vita e quella dei suoi figli. Ha alterato la chimica del cervello di Leola, portandola a una diagnosi di schizofrenia che ha reso Leola “irascibile, violenta e violenta”, ha scritto Tiffany nel suo libro di memorie del 2017, L’ultimo unicorno nero. All’età di 13 anni, Tiffany e i suoi fratelli furono dati in affidamento e per questo motivo separati. All’età di 15 anni, Tiffany e i suoi fratelli furono affidati alle cure della nonna materna.

Tiffany Haddish si esibisce alla Laugh Factory il 23 novembre 2023 Fonte: Getty Images

Tiffany Haddish si è unita a suo padre solo più tardi nella vita.

Dopo che il padre di Tiffany se ne andò, lei e sua madre persero ogni contatto con lui. Tiffany ricordava che sua madre diceva cose dopo l’incidente del tipo: “Sembri il tuo brutto papà, lo odio. Ti odio.” Ma come tutti sappiamo, Tiffany è allo stesso tempo resistente e curiosa. Nonostante il disprezzo di sua madre, Tiffany voleva risposte su suo padre.

Quando Tiffany era adolescente, sua nonna le disse che era ebrea eritrea da parte di padre e le spiegò persino cosa fossero i Bar Mitzvah. Tiffany è diventata una ballerina del Bar Mitzvah nella speranza di incontrare suo padre. Nel 2019, Tiffany ha confermato la sua eredità ebraica eritrea attraverso il test del DNA e ha celebrato un Bat Mitzvah, che ha incorporato nel suo speciale comico, Mitzvah nero.

Tiffany Haddish posa alla premiere di 'Black Mitzvah' il 3 dicembre 2019Fonte: Getty Images

Tiffany ha incontrato suo padre per la prima volta quando aveva 27 anni. Lo ha trovato a Filadelfia e ha rivisitato la conversazione con il medium di Hollywood Tyler Henry nel 2017. “Il mio scopo nell’incontrare mio padre era solo per sapere geneticamente cosa devo aspettarmi? E dove diavolo sei stato? Dove diavolo eri quando ero qui a vivere per strada?”

Tiffany ha spiegato a Tyler: “Mi sono riavvicinata a mio padre quando avevo 27 anni. Gli ho offerto di lasciarlo venire a stare con me e di prendermi cura di lui, e poi è scomparso di nuovo. E così ora, è riapparso e dice che vuole venire a stare con me adesso e c’è una parte di me che dice, beh, in un certo senso hai perso quella barca.

Tiffany Haddish ha onorato suo padre visitando l’Eritrea e Israele.

Nel 2018, il padre di Tiffany è morto e lei lo ha onorato parlando delle sue origini eritree agli Oscar. È andata in Eritrea per la prima volta per riconnettersi con la sua famiglia e ha ricevuto la cittadinanza eritrea un anno dopo. Nonostante ciò, l’Eritrea è attraversata da disordini civili a causa del suo governo dittatoriale e della storia con il regime etiope.

“Amo così tanto mio padre e forse non è riuscito a crescermi, ma ha instillato abbastanza per me nel mio sangue”, ha detto al Ministero dell’Informazione dell’Eritrea (attraverso Notizie dall’Africa). Mi ha insegnato molto durante il tempo che ho trascorso con lui. Voglio onorarlo e voglio solo essere una brava figlia. Ora lo sta onorando collegandosi anche alla sua eredità ebraica.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Louder (@louder.creators)

I disordini in Eritrea portarono a un esodo di massa degli ebrei, all’epoca soprattutto verso Israele. Alla fine del 1800, durante i pogrom, molti ebrei yemeniti emigrarono in Eritrea con l’aiuto del colonialismo italiano. Con l’intensificarsi dell’antisemitismo in Europa prima della seconda guerra mondiale, molti altri ebrei lo seguirono. Tuttavia, quando l’Eritrea fu annessa all’Etiopia, le guerre civili e le violenze portarono molti ebrei a lasciare la regione e cercare sicurezza in Israele.

Tiffany probabilmente ha parenti che vivono ancora oggi in Israele. Negli anni ’50 in Eritrea vivevano oltre 500 ebrei, ma oggi nel paese è rimasto solo un ebreo. Poiché l’Etiopia perseguitava gli ebrei dal quale era loro vietato lasciare, molti ebrei colsero la prima opportunità che avevano per raggiungere Israele. Altri sono fuggiti in Europa e negli Stati Uniti, ma non così tanti.

Il bat mitzvah di Tiffany HaddishFonte: Getty Images

Tiffany ha parlato della sua esperienza in Israele su TMZ in diretta, dicendo che vuole la pace da entrambe le parti. Nonostante ciò, la reazione provocata dalla sua visita l’ha portata a sentirsi “tutta sola”, ma vogliamo che sappia che siamo qui per lei!